Intervista a Susanna e Martina: Au Pair in america

Oggi abbiamo il piacere di conoscere Susanna e Martina (Susa & Mapu), nostre TravelBlogger che ci hanno concesso di conoscerle meglio attraverso questa breve intervista.

Grazie innanzitutto per il vostro tempo. Sappiamo che siete le autrici dietro al blog Chalk And Cheese: Our Experience As Au Pair, uno dei primi blog attivi sulla nostra piattaforma.

A sinistra Susa, a destra Mapu, le due autrici del Travel Blog.

A sinistra Susa, a destra Mapu, le due autrici del Travel Blog.

  1. Diteci qualcosa di voi per conoscervi meglio.

Siamo Susa e Mapu (Martina, ndr), due giovani ragazze italiane di Torino rispettivamente di 22 e 23 anni!!

Grandi amiche da 8 anni, ma con caratteristiche sia fisiche che caratteriali molto differenti:
Mapu ama andare a ballare, essere sempre in mezzo agli amici e divertirsi, mentre a Susa piace la tranquillità, la natura e i lavori manuali e creativi.

Abbiamo anche delle passioni comuni (per fortuna), come viaggiare, svolgere attività nel sociale e “drogarci” di telefilm americani.. ma anche in questo caso Susa predilige i Crime, mentre Mapu i Teen Drama.

  1. Descriveteci il vostro viaggio: dove andrete?

Tra circa 3 mesi diventeremo delle ragazze alla pari negli States: Susa andrà in Pennsylvennia, mentre Mapu in New Jersey. Au pair è un termine francese che indica un/a ragazzo/a che si assume temporaneamente la responsabilità di prendersi cura dei bambini (preparare i loro pasti, lavare, stirare e metter via la loro biancheria, riordinare la loro stanza, accompagnarli ed andarli a prendere a scuola o nelle sedi in cui svolgono attività extrascolastiche, aiutarli a fare i compiti).

Nello stesso tempo approfondisce la lingua straniera grazie all’aiuto dei vari componenti della famiglia e ha l’opportunità inoltre di prender parte alla vita famigliare e di farsi un’idea autentica sulla cultura, la lingua e le usanze del paese straniero. Un giovane alla pari dunque accumula nuove esperienze, nuove idee e nuovi punti di vista – tutti aspetti positivi anche per la futura carriera professionale.

Il programma negli States dura minimo un anno e massimo due.

  1. Perché avete deciso di intraprendere questo viaggio/cosa ti ha spinto a farlo?

SUSANNA: Ho deciso di diventare au pair a seguito di una brutta esperienza nel mondo del lavoro e dalla necessità di dover migliorare la lingua per poter rendere il mio curriculum più competitivo, perché purtroppo con la crisi le aziende assumo poco e vogliono ormai gente che conosca perfettamente l’inglese. Inoltre ll mio sogno è sempre stato quello di visitare/studiare/lavorare negli States. Non mi ero mai informata perché erano ormai 3,5 anni che ero fidanzata e non avrei mai lasciato il mio ragazzo per partire, ma ora che sono single e ho scoperto questo programma non ci ho pensato due volte prima di partecipare.

MARTINA: Io sono laureata, ma non sono riuscita a trovare un lavoro soddisfacente quindi ho pensato di prendermi un anno sabbatico per poter imparare bene l’inglese e conoscere una nuova cultura.

  1. Quali sono le vostre aspettative da questa esperienza?

Le nostre aspettative sono quelle di imparare l’inglese alla perfezione, visitare il più possibile, conoscere nuovi amici da tutto il mondo, trovare magari un buon trampolino per il nostro futuro e perché no… magari l’amore!! ahah

  1. Cosa vi spaventa di più di questa avventura?

Al momento le nostre uniche due paure sono quelle di avere dei problemi con le nostre host family e di aver dei problemi alla dogana appena sbarcate!

  1. Cosa consigliereste a chi sta preparando la valigie? E agli indecisi?

Personalmente dai racconti della altre Au Pair, a meno che non andiate in California, portate vestiti pesanti!!! Le temperature invernali sono davvero rigide e i vestiti pesanti sono si quelli più ingombranti, ma anche quelli che costano di più. Rifare un guardaroba estivo è molto meno costo di uno invernale!

Inoltre non dimenticatevi le vostre scorte personali quali ad es. pillola, lenti a contatto, antistaminici che possono essere difficili da reperire una volta sul posto.

  1. Cosa ne pensa la vostre famiglie e i vostri amici? Avete paura della loro lontananza?

SUSANNA: I miei amici sono tutti dalla mia parte, anzi da parte di alcuni c’è addirittura un po’ di invidia. La frase che mi dicono tutti è: “Mi raccomando vai e non tornare più”.

Alcuni mi mancheranno, ma visto che siamo nel 2014 ci sentiremo tramite whatsapp, facebook, skype, leggeranno le mie avventure attraverso il blog e sicuramente chi ne avrà la possibilità mi verrà a trovare!

MARTINA: penso sarà abbastanza difficile all’inizio ma poi ci si abitua. I miei amici e la mia famiglia sono felici con me e come diceva Susa fortunatamente ci sono tanti mezzi di comunicazione.

  1. Parliamo di lingua: sappiamo tutti che è molto importante conoscere la lingua del posto dove si va. Voi come avete fatto ad impararla? Avete consigli da dare?

Il nostro livello di inglese è già un B2, ma per mantenerci allenate abbiamo deciso di:

  1. Guardare più telefilm inglesi sottotitolati in lingua
  2. Chattare con la nostra family o con altre au pair
  3. Iscriverci ai seguenti gruppi su facebook:

AU PAIR ADVICE USA 2 – Gruppo per sole au pair. Puoi fare tutte le domande che vuoi e leggere interessanti post delle altre au pair
AU PAIR COUCH SURFING – Gruppo è per sole au pair, molto utile una volta che sarete li per trovare travel buddies o friends
AU PAIR’S IN NEW JERSEY – Gruppo per le aupair che si trovano in Jersey ma potrete trovare i gruppi della vostra zona scrivendo “au pair in… e lo stato in cui andrete ad abitare
AMERICAN SLANGS,IDIOMS,PHRASES AND COMPLICATED WORDS – Gruppo per imparare nuove parole e idiomi

  • Iscriverci alle seguenti pagine su facebook:

AMERICAN ITALIAN – Pagina italo-americana con tante curiosità
TIP OF THE DAY – Pubblica oltre che a divertenti post anche delle lezioni di grammatica
THE ITALIAN AMERICAN PAGE – Pagina italo-americana con tante curiosità
AU PAIR CONFESSION – Divertente pagina in cui in modo anonimo tutte le au pair confessano i loro segreti
ENGLISH IS FUN – Pubblica oltre a divertenti post anche delle lezioni di grammatica
ENGLISH IDIOMS – Pagina in cui spiegano diversi idiomi inglesi tramite pratici esempi

  1. Scaricare la seguente app:

DUOLINGO – E’ un’app davvero utile per il cellulare che ci fa fare tanti esercizi per imparare o mantenerci allenati

  1. Perché avete deciso di aprirvi un Travel Blog?

L’idea di aprire un blog è nata a seguito delle numerose domande a cui non riuscivamo mai a trovare risposta.

Il procedimento per diventare au pair è lungo e non sempre semplice anche se si è seguiti da un agenzia e può succedere che durante alcuni step uno voglia avere la certezza che stia compilando magari un modulo nel modo giusto.

Abbiamo quindi deciso di creare un blog che aiuti le future au pair in questo percorso, ma fornisca anche idee e consigli da noi testati in prima persona.

  1. Volete aggiungere qualcos’altro?

Al momento il blog è nato da pochissimo ma ci stiamo impegnando per aggiornarlo costantemente e riempirlo di contenuti interessanti. Noi pensiamo farà un salto di qualità quando partiremo e lo tradurremo anche in inglese per avere maggiori visitatori. Speriamo vi piaccia e mi raccomando, seguiteci anche sulla nostra pagina fb.

Grazie del vostro tempo e in Bocca al Lupo! 😀

Lascia un commento